Villa Baldaccini Bed Brakfast Lucca - Casa vacanze Lucca - Agriturismo Lucca
Villa Baldaccini Villa Baldaccini : I nostri servizi turistici Turismo Lucca - Itinerari turistici a Lucca Produzione e vendita olio di oliva DOP - Olio d oliva Bed Breakfast Lucca Villa Baldaccini Casa Vacanze Lucca
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca

Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire LuccaLe chiese di LuccaLe chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca

Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Le Ville Lucchesi
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Itinerari turistici a Lucca
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca La Grotta del Vento
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Le chiese di Lucca
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Lucca cittą fortificata
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Garfagnana
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Il Ponte del 'Diavolo'
Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca Link utili

Bed Breakfast Villa Baldaccini Lucca Vi proponiamo alcune informazioni interessanti su Villa Baldaccini e Lucca:
Contatta Bed Breakfast Villa Baldaccini Lucca Per maggiori informazioni vi preghiamo di contattarci:
Email: info@villabaldaccini.it
Telefono: 0583 406465
Cellulare : 335 7621307

San Cristoforo LuccaChiesa di San Cristoforo:
La chiesa di San Cristoforo a Lucca è documentata per la prima volta nel 1053

La chiesa di San Cristoforo si trova nella zona centrale di Lucca, lungo la via Fillungo. Si tratta di una basilica a tre navate coperta a capriate.
La facciata, realizzata in filari di calcare perfettamente squadrati, è ornata da un ricco apparato scultoreo, il resto è in pietre squadrate di arenaria e muratura in laterizio.
L´edificio è comunemente considerato un emblema degli influssi esercitati dall´architettura pisana sull´area lucchese. A questa interpretazione ha contribuito la presenza all´interno della chiesa di un´epigrafe che attribuisce la sua costruzione al maestro Diotisalvi, più volte identificato con l´omonimo autore del battistero di Pisa.

Notizie storiche:
Situata nei pressi del mercato urbano ubicato nel "classo Salaiolo", la chiesa di San Cristoforo svolse nel Medioevo un importante ruolo di natura politica quale sede dei consoli delle Cause Lucchesi.
L´edificio fu ricostruito nel corso del XII secolo su uno precedente e venne realizzato con struttura a tre navate separate da pilastri, con unica abside. Il campanile, impostato nell´angolo sud-est della chiesa, risale invece probabilmente al XIII secolo.
La chiesa fu restaurata nel corso del Trecento, quando si provvide alla costruzione del settore superiore della facciata, nel quale risalta l´ampio rosone.
Nel XV secolo le navate furono coperte con volte ed in età barocca vennero ricostruiti gli altari e molte decorazioni in stucco.
Il primo restauro contemporaneo della basilica è datato agli anni 1843-1844, mentre il secondo risale al 1940: l´ultimo intervento, molto pesante, ha trasformato l´edificio in un sacrario alla memoria dei soldati lucchesi caduti in guerra. Tale occasione ha visto la completa eliminazione degli intonaci e degli arredi, l´abbattimento delle volte e l´incisione, sulle pareti delle navate, dei nomi dei caduti.


Chiesa di San FrancescoChiesa di San Francesco:
La chiesa lucchese di San Francesco si trova nella zona orientale della città, all´esterno dell´area delle mura duecentesche. L´edificio, molto semplice, è costituito da un´ampia aula con mura in laterizio coperta a capriate e terminante in tre cappelle coperte con volta a crociera.
Sulla facciata si apre un grande portale d´accesso con lunetta e rosone soprastanti. La crescita del complesso nel corso del basso medioevo comportò l´aggiunta di unità elementari come chiostri e oratori.

La presenza dei frati minori è documentata a Lucca, in un´area esterna alla cerchia muraria, già nell´anno 1228. All´inizio essi occuparono la chiesa di Santa Maria Maddalena, ma presto iniziarono i lavori di ristrutturazione e di costruzione di un nuovo impianto.
Intorno alla grande chiesa e al complesso monastico si sviluppò un vero polo conventuale al quale si aggiunsero l´oratorio di San Franceschetto (1309), tre chiostri ed altre costruzioni. La facciata della chiesa presenta grandi conci di calcare bianco e grigio disposti in filari orizzontali e paralleli.
L´apparato decorativo è assai ridotto -fatto caratteristico delle chiese conventuali- e si limita ad una serie di cotti decorati presenti nell´abside, occupati un tempo da bacini ceramici. Nel corso del Tre e del Quattrocento furono realizzate nuove cappelle presbiteriali, volute, secondo la tradizione, dal signore di Lucca Paolo Guinigi.
In seguito alla soppressione napoleonica la chiesa fu restituita ai francescani; nel 1844 l´edificio fu restaurato, ma nel 1868 venne nuovamente indemaniato ed adibito a magazzino militare.
Nel 1901 il Comune di Lucca riscattò la chiesa e nel 1910 la riaprì al culto. Il rivestimento calcareo della facciata fu completato, nella parte superiore, solo nel 1930.
All´interno della chiesa, si notino gli affreschi quattrocenteschi di scuola fiorentina, le arche sepolcrali dei Ricciardi e il monumento Guidiccioni di V. Civitali.

San Frediano - LuccaSan Frediano:
La chiesa di San Frediano a Lucca è documentata per la prima volta con il suo monastero in una carta dell´anno 685
 
La Basilica di San Frediano -situata nella parte settentrionale di Lucca, in una zona compresa fra l´asse viario di via Fillungo e le mura- è il complesso ecclesiastico lucchese di maggiori dimensioni dopo quello del Duomo.
L´interno è suddiviso in tre navate coperte con capriate a vista e affiancate lateralmente da numerose cappelle gentilizie. Al fianco settentrionale della chiesa, si addossano gli edifici che ospitarono fino al 1780 il grande convento dei Canonici Lateranensi.
La basilica presenta un´ampia facciata in calcare bianco con un grande mosaico alla sommità.
Nella parte absidale della chiesa si eleva il possente campanile coronato da una merlatura a coda di rondine.

Cattedrale di San Martino
Cattedrale di San Martino:
La Cattedrale di San Martino di Lucca fu costruita nell´area sud est della città romana, in posizione marginale rispetto al centro urbano.
La facciata è collegata, attraverso il campanile, al vecchio palazzo dell´Opera del Duomo e ad altri edifici del chiostro; alla fiancata meridionale si addossano la sagrestia e la canonica.
La zona absidale era originariamente collegata al Palazzo arcivescovile da una serie di edifici e di orti che furono abbattuti nel 1938 per edificare l´odierno piazzale Arrigoni.

La fondazione della Cattedrale di San Martino di Lucca andrebbe ascritta, secondo la tradizione, all´operato di San Frediano, vescovo di Lucca morto nel 588.
Il vescovo Giovanni I promosse nel 780 la traslazione da Populonia del corpo di San Regolo, fatto che determinò la costruzione di una cripta e il rifacimento di un nuovo sontuoso presbiterio ornato di marmi e cancelli metallici. Già nell´833 la facciata era provvista di un portico, distrutto nel 905 e ricostruito nel 928.
Tra il 1060 ed il 1070, la chiesa fu completamente riedificata per volontà di Anselmo da Baggio, il quale divenuto papa con il nome di Alessandro II (1061-1073) la consacrò solennemente alla presenza di ventitré vescovi e di Matilde di Canossa. Nel 1308 il vescovo Enrico II concesse all´Opera quattordici braccia di terra all´estremità orientale, che consentirono la ricostruzione della tribuna e dell´abside attuale.
Nel corso del Trecento si decise di intraprendere la ricostruzione di tutto il tempio con copertura a volte, lavori intensificati a partire dal 1374 ad opera di architetti fiorentini e portati a termine entro il 1476. Si passò poi al rifacimento dell´arredo interno per opera di Matteo e Vincenzo Civitali, Giambologna e Muzio Oddi. All´interno opera di notevole rilievo è il monumento funebre di Ilaria del Carretto, realizzato nel 1408 da Jacopo della Quercia.





Le chiese di Lucca -  Itinerari turistici Lucca - Turismo Lucca - Garfagnana - Scoprire Lucca